PALAZZO TE - MANTOVA

App Mobile e Realtà Virtuale

Progetto

Il patrimonio artistico e architettonico italiano è molto ricco, ma solo il 10% delle sue strutture è digitalizzato e meno della metà usa tecnologie interattive.

 

Prima del nostro intervento, anche Palazzo Te era escluso dall’impiego di strumenti tecnologici per la sua divulgazione.

 

Abbiamo innanzitutto pensato a una digitalizzazione del patrimonio culturale, in particolare dei documenti e degli spazi interni ed esterni del Palazzo. Il materiale, da allora disponibile per le ricerche scientifiche sulla struttura, è stato poi catalogato e utilizzato per costruire un’App mobile geolocalizzata.

 

A supporto delle tecnologie di ultima generazione, abbiamo realizzato e gestito un sistema di rete wifi all’interno dello spazio museale. Abbiamo poi installato una rete di protezione dei dati e di gestione dei flussi dei visitatori.

 

 

ESPERIENZA DI REALTÀ VIRTUALE

 

In questa proposta, non potevano mancare le postazioni di realtà virtuale. Grazie ai visori VR, chiamati OCULUS GO e all’elaborazione 3D delle mappe e delle planimetrie, il visitatore è accompagnato in un viaggio suggestivo lungo le sale di Palazzo Te.

 

Il progetto di allestimento espositivo prevede 4 postazioni di realtà virtuale, abbinate ad altrettanti visori, che permettono al visitatore di immergersi nei dipinti affrescati da Giulio Romano, vedere animazioni dei personaggi (ad es. nella tragica e suggestiva scena della “Camera dei Giganti”) e osservare come il Palazzo appariva all’epoca.

 

Tutto ciò sempre conservando la texture e i disegni originali del maestro, rispettando la documentazione storico-artistica.