FORO ROMANO - CARCER TULLIANUM

Museo del Carcer Tullianum

Progetto

Il complesso architettonico del Carcer Tullianum condensa le vicende della città dalla nascita (le prime attestazioni risalgono addirittura al IX secolo a.C.) fino alla costruzione della Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, consacrata nel 1663.

 

È il risultato di interventi diversificati nel tempo che si riflettono in una struttura monumentale complessa: sotto la Chiesa, alle pendici del Campidoglio, si trova l’ambiente del Carcere Mamertino e, sotto ancora, quello più antico del Tullianum.

 

Quest’ultimo era il carcere dei nemici della Repubblica Romana, considerati pericolosi per la sopravvivenza di Roma e dell’Impero. Secondo la tradizione cristiana, proprio qui venne incarcerato l’Apostolo Pietro che, durante la sua prigionia, battezzava i compagni di cella divenuti poi martiri.

 

VISUAL IDENTITY

 

Per il logo del museo abbiamo deciso di lavorare su una sintesi del monumento più antico, la Carcer e la fonte dove usciva l’acqua, che è l’elemento che unisce la storia più antica con la più recente.

 

A partire da qui, abbiamo costruito la visual identity con il font NATIONAL, una tavolozza di colori di base (bianco, nero e blu turchese) e una serie di elementi grafici semplici e leggeri che completano il discorso dei materiali principali del monumento: pietra e ferro.

 

Questa identità è servita a portare avanti sia il progetto museografico che la strategia comunicativa, on e off line.